Archivio mensile:settembre 2009

White Power*

White Power

Razzismo gratuito alla fermata dell’autobus

*Per chi non l’avesse capito: il bambino bianco vince, quello nero perde.

Avvertenze:

Sono fermamente convinto che l’effetto finale sia non voluto, ma non ho potuto fare a meno di notarlo.

Contrassegnato da tag , , , ,

Una nuova faccia

Scrivo questo (lungo) post per presentare un’ovvietà: la nuova veste grafica del blog.

In a red dress

La cosa che sicuramente salta di più agli occhi è la predominanza del colore rosso (ok, non è propriamente rosso, diciamo quasi arancio). In effetti il rosso è sicuramente il mio colore preferito e non ho perso l’occasione di usarlo (o abusarne, fate voi) per ridisegnare questo spazio.

Geographic Eyecandy

Sto per scrivere una cosa brutta. Se state usando Internet Explorer, vi state godendo metà dello spettacolo. E non mi interessa. In questo sito si fa un certo uso di bordi arrotondati e ombreggiature (senza ricorrere ad immagini), cosa che il browser di Redmond, WA ancora non supporta (nonostante siano degli standard). Spostatevi a sud e scegliete un browser designed in California (ma se scegliete il Panda Rosso, assicuratevi che sia almeno la versione 3.5). Non ho avuto modo di testarlo su browser norvegesi, ma non credo dovrebbero dare problemi, vista la loro (di solito) eccellente adesione agli standard.

This blog poked you.

Se non hai quella ventina di account tra social network e servizi web, non puoi dire di usare tutto quello che Internet ti offre (e magari sei anche uno di quelli che si è installato internet sul pc o che ha facebook e sicuramente usi Internet Explorer). Si capisce che seguirli tutti è faticoso e difficile, specialmente per chi non è così pratico (ma anche chi è pratico in fondo non sta sempre lì ad aggiornarli tutti). Il redesign dell’homepage serve proprio a presentare la mia identità digitale completa, raccogliendo gli ultimi aggiornamenti dai siti/servizi più importanti a cui sono iscritto (in maniera più ordinata e composta di un lifestream) e offre, per i più temerari la possibilità di abbonarsi al feed RSS di tutto questo bailamme tramite il magnifico servizio offerto da profilactic. Per gli altri, c’è il feed del blog. Ah, per quei pochi che se lo domandassero (e se lo domandano perchè non sanno cos’è un feed RSS e hanno installato internet e hanno facebook e sicuramente usano Internet Explorer), l’abbonamento è gratis, per cui ve lo consiglio.

Hardcore Metadata (coming soon)

Stiamo parlando di una cosa sotto il cofano. Che potete aprire, se sapete che il tasto destro del mouse è la levetta sotto il cruscotto. Se qualcuno, dicendovi che siete mancini, vi ha costretto ad usare il mouse con la mano sinistra, rintracciatelo e strangolatelo, visto che non è vero che i mancini non riescono ad usare il mouse con la destra (e ve lo dice un mancino). Inoltre, per voi la frase di prima non ha senso, che è un altro buon motivo per strangolare il di cui sopra. Tornando al motivo di questo paragrafo, il blog guadagnerà presto il pieno supporto ai microformats, per cui un giorno, quando ci sarà la rivoluzione e i vari programmi del vostro computer saranno integrati tra loro, potrete vedere agevolmente su google maps dov’è quel ristorantino di cui parlo tanto bene o leggere altre recensioni di quel gadget che ho comprato (e vedere quanto costa, chi lo vende e magari ordinarlo con un clic). Armatevi (di pazienza) e aspettate, perché non sapete né il giorno né l’ora.

We love standard

Se i metri (l’unità di misura) italiani fossero diversi dai metri francesi, passato il confine potremmo rischiare di non capire (a meno di tediose conversioni) quanto è lontana la nostra destinazione. Per fortuna i metri italiani e quelli francesi sono uguali (discorso diverso per gli inglesi, che tra le altre cose credono che “the right roadside is the left roadside”, non rendendosi conto che è un ossimoro). Lo standard aiuta a capirsi e rende la vita più facile a chi fa siti web, evitando brutte sorprese (discorso a parte per Explorer, i cui sviluppatori credono tra l’altro che “IE is a safe browser”, non rendendosi conto che è un ossimoro). Nel ridisegnare questo blog, ho mantenuto l’aderenza agli standard che già contraddistingueva la precedente versione.

This site is prefect

Per quanto possa essermi sforzato, questo blog è tutt’altro che perfetto. Qualunque cosa notiate (sia errori di italiano, che stranezze nel design), segnalatela (no, il titolo di questo paragrafo non è sbagliato).

Contrassegnato da tag , , ,

Casa Spiderman

2009-09-01 11.46.37

Ora dovranno installare un altro citofono più in basso…per Topolino.

Contrassegnato da tag , , , ,