Archivio mensile:dicembre 2008

Model M, la tastiera definitiva

Scrivo questo post per parlarvi di un oggetto indispensabile per usare il computer, la tastiera. Anche se vi scrivo usando una Comfort Curve 2000 della Microsoft (piuttosto economica, ma comodissima se scrivete molto, soprattutto per me in questo periodo della tesi), il mio amore è solo per una tastiera che ha la mia età: la Model M di IBM. Questa tastiera nasce nel 1984 e si caratterizza, oltre che per essere praticamente indistruttibile e piuttosto pesante, per il clic dei suoi tasti, che ricordano le macchine da scrivere. La sensazione quando la si usa è assolutamente unica e impagabile, per ogni tasto hai l’assoluta certezza di averlo premuto, inoltre, il meccanismo dei tasti è studiato in modo che le peggiori schifezze di questo mondo (salatini e altri cibi che producono briciole, ma anche acqua), non intaccano minimamente la sua funzionalità. Il suo design vintage, aggiunge sicuramente un tocco di stile alla scrivania, e la distingue da quelle tastiere moderne troppo simili ad astronavi. La notizia migliore è che per averla non dovete per forza diventare svaligiatori di cantine o frequentare le fiere dell’elettronica (anche se, averne una marchiata IBM e usata è decisamente più appagante), ma, poiché il brevetto è passato di mano in mano (da IBM a Lexmark nel 1991, da Lexmark a Unicomp nel 1996), è tuttora in produzione! Basta infatti andare sul sito del produttore e scegliere il modello preferito. Ci sono un sacco di varianti, da quelle che integrano un trackpad, a quelle con configurazioni di tasti particolari, ma il mio consiglio è di optare per la Customizer 102/103/ Pearl White, che è quella originale. Certo, sono 69$, ma la qualità delle plastiche e degli altri materiali usati (principalmente acciaio, che la rende così pesante), sono insuperabili, vi durerà in eterno e con il suo design particolare darà un tocco di stile in più alla vostra scrivania!

Model M

Nella foto: la Model M di mio padre, che lo serve da tantissimi anni, orgogliosamente consumata e sporca, ma perfettamente funzionante (la “cicatrice” sotto lo spazio è una bruciatura di non ricordo più cosa).

Annunci

M'illumino di meno 2009!

Dal sito di Caterpillar, suggerisco a tutti di aderire all’iniziativa:

M’ILLUMINO DI MENO 2009
Giornata del Risparmio Energetico
Continua a leggere

What to wear – Parte 2

Visto che in un giorno è diventato uno dei post più frequentati ed ha ottenuto parecchi pareri favorevoli (ma altrettanti scettici), ho deciso di spostare l’idea un passo avanti. Ho appena finito di sistemare What to blog? il blog sullo sviluppo di “What to wear?”. È in inglese (giusto per darsi un tono di internazionalità) ed al momento estremamente minimalista come grafica (ok, non è che è minimalista, la grafica non c’è proprio!). Futuri aggiornamenti verranno pubblicati lì (qui comunque terrò tutti aggiornati sullo sviluppo).

What to wear?

What to wear? di Läläpinä, su Flickr
What to wear? di Läläpinä, su Flickr

Stamattina ho avuto un’idea su un servizio web piuttosto inutile,  mentre sceglievo qualcosa dall’armadio. Per capirci, quanti di voi (soprattutto le ragazze, ma anche i ragazzi non scherzano) passano un sacco di tempo indecisi su cosa indossare durante il giorno? Bene, what-to-wear viene incontro a tutte queste persone! Continua a leggere

Lista dei Desideri…per essere più buoni a Natale

No, non vi sto chiedendo di cercare la mia wishlist e scegliere il regalo più costoso…non vi preoccupate! Voglio solo segnalare un’iniziativa bellissima organizzata da Save the Children, che vi permetterà di fare un bel regalo a chi ne ha veramente bisogno. Qui sotto c’è un video che spiega come fare:

In pratica, scegliete il regalo (è qualcosa che serve a qualche bambino nel mondo) e la persona a cui volete fare un regalo, dopodiché, il regalo verrà recapitato al progetto Save the Children e al vostro amico verrà consegnata una cartolina e un certificato di donazione.

Questo vuol dire che, anziché comprare i soliti pupazzetti porcheria che poi non si sa che fine fanno, potete regalare un vaccino a chi ne ha bisogno, spendendo lo stesso e facendo qualcosa di più utile e bello. Capito?? Correte a scoprire la lista e scegliete un regalo…per sentirsi più buoni a Natale è il metodo più efficace (molto più di quell’odiosa canzoncina di un noto panettone…“A Natale puoi”….ogni volta che lo sento mi prudono le mani…)

Grazie a BuzzParadise per aver segnalato questa bellissima iniziativa!